Autore Laura Ruggeri :: 4 Agosto 2015

Le prestazioni energetiche di un elettrodomestico sono una caratteristica ormai imprescindibile per la scelta di un apparecchio. L’etichetta informativa da settembre si fa più semplice. Vediamo insieme le novità.

Da settembre, nuova etichetta energetica per gli elettrodomestici

Può capitare di smarrirsi di fronte all’etichetta delle informazioni energetiche: simboli sconosciuti, colori stroboscopici e ingrati grafici a colonne: roba da far girare gli occhi. Subito potreste pensare di rivolgervi all’amico ingegnere ma, per fortuna, da settembre tutto sarà più semplice, perché arriva la nuova etichetta, più chiara e restrittiva.

Un tempo si sceglieva l’elettrodomestico in base al costo e alla qualità generale della macchina. Oggi le caratteristiche di efficienza energetica sono un requisito importante, utile per risparmiare sulla bolletta della luce. Infatti, circa l’80% delle spese di casa è da imputare ai sistemi di riscaldamento domestici. Così, se vi si è rotta la caldaia, la necessità di comprendere appieno il risparmio derivante dall’acquisto di un prodotto rispetto a un altro diviene fondamentale.

Dal 26 settembre entrerà in vigore in tutta Europa una nuova etichetta, secondo quanto stabilito da 4 regolamenti UE: 811/2013, 812/2013, 813/2013 e 814/2013. Alcuni dei prodotti coinvolti saranno scaldacqua tradizionali e solari, caldaie e pompe di calore. Nella nuova etichetta energetica, saranno indicati l’efficienza energetica stagionale, la potenza sonora, le emissioni e nuove specifiche di progettazione (ecodesign), che garantiranno il marchio CE solo a quei prodotti con prestazioni molto elevate. Inoltre, verrà introdotta un’etichetta di insieme che permetterà di classificare i sistemi composti da più apparecchi integrati insieme, ad esempio gli impianti che permettono di riscaldare l’acqua e gli ambienti, composti da un impianto solare e da un caldaia.

Grazie a questi nuovi restrittivi parametri sugli elettrodomestici, sarà possibile risparmiare dal 20 al 30%, sostituendo la vecchia caldaia con una nuova regolamentata dalla nuova etichettatura.

Facebook Comments Box