Autore Laura Ruggeri :: 7 Novembre 2015

Odiata, amata o sconosciuta, la coppetta mestruale sembra essere una possibile soluzione alle recenti allarmanti ricerche circa la contaminazione da cancerogeni degli assorbenti intimi. Da oggi la coppa mestruale si fa anche smart con Looncup

Arriva Looncup e la coppetta mestruale si fa smart

Che la coppetta mestruale potesse rendere il mondo più pulito, preservare la nostra pelle dal contatto con sostanze potenzialmente cancerogene come il glifosato, potevamo anche aspettarcelo. Ma che si facesse smart, questo era di difficile previsione. Recente è la notizia secondo la quale l'85% degli assorbenti igienici analizzati presso l'Università argentina di La Plata conterrebbe glifosato, una sostanza che l'OMS ha indicato come potenzialmente cancerogena. L'impiego di assorbenti e tamponi contenenti cotone biologico previene il rischio di entrare in contatto con questa sostanza potenzialmente tossica. Anche l'utilizzo della coppetta mestruale può prevenire i probabili danni da glifosato.

Ma poi arriva Looncup, la coppetta mestruale smart ad allargare il panorama delle alternative all'uso degli assorbenti tradizionali. Sembrerebbe quasi un ironico ossimoro quello di coppetta intelligente, eppure è in corso la raccolta fondi per la realizzazione della versione tecnologica di questo presidio igienico.

Il progetto è stato realizzato dalla LOON LABS Inc., una startup con base a San Francisco. L'idea di realizzare la coppetta smart è venuta al CEO dell'azienda, la cui fidanzata soffriva di mestruazioni particolarmente abbondanti. L'amministratore delegato così ha deciso di progettare col suo team una coppetta intelligente per monitorare il flusso delle mestruazioni e facilitare la vita della sua ragazza. Il progetto è poi andato su Kickstarter, dove ha già ricevuto un finanziamento di 151 mila dollari.

Ma perché la coppetta è intelligente? Questa ha la capacità di collegarsi allo smartphone fornendo alla donna in tempo reale informazioni sulla sua salute. Si tratta di un oggetto in silicone, provvisto di batteria che dura fino a sei mesi, antenna bluetooth a bassa frequenza senza pericoli per la salute e un sensore. Una app ne permette la sincronizzazione col proprio smartphone che registrerà mese dopo mese, ciclo dopo ciclo le seguenti informazioni:
Portata del flusso
Colore del sangue
Una notifica indicherà alla donna quando è il momento di svuotarla.

Sono in corso lavori per il miglioramento di questo oggetto. L'obiettivo è quello di rendere LOONCUP capace di dosare la concentrazione di glucosio nel sangue nelle donne diabetiche e indicare l'eventuale presenza di anemia.  

Facebook Comments Box