Autore Laura Ruggeri :: 27 Novembre 2015

La luna ispira l'amore e i canti all'amata, ma il nostro bel satellite può influenzare anche il nostro organismo?

La luna può influenzare il nostro organismo?

La luna col suo ciclo che va dal crescente, al pieno, al calante per poi ricominciare, può influenzare il nostro organismo? Il nostro satellite è da sempre presente nella fantasia umana, dalla leggenda del licantropo che si trasforma in lupo mannaro al sorgere della luna piena, ai cambiamenti di umore imputati a una luna storta e all'essere lunatici, dalla luna nel segno zodiacale foriera di incerti esiti astrologici alla luna delle canzoni che bussa, che fa la scema.

Vediamo tre particolari influenze della luna sul nostro organismo.

Influenza il ciclo mestruale
Tra cotanto folklore, una ricerca pubblicata su Acta Obstetricia et Gynecologica Scandinavica porta il lume della scienza ad avvalorare gli effetti di questo corpo celeste sull'organismo umano, e in particolar modo sul ciclo mestruale delle donne. Sono state analizzate 826 donne sane, evidenziando che il 28% di queste ha iniziato il ciclo proprio durante i giorni di luna piena. Quindi è presente un forte legame tra ciclo mestruale e ciclo lunare. Ma come fa il nostro satellite a influenzare gli andamenti degli ormoni sessuali femminili? Questo è ancora un terreno non battuto, sul quale interverranno future ricerche a chiarire le correlazioni esistenti.

Previene gli infarti
Una ricerca tedesca condotta su 16 mila pazienti cardiopatici ha dimostrato che durante le notti di luna piena vi era una diminuzione del numero degli infarti. In questo caso potrebbe essere coinvolta la attrazione di gravità tra terra e luna che è più forte durante i pleniluni. Ma ancora una volta la ricerca anche in questo settore deve colmare le lacune.

Influenza il sonno
La luna piena influenza anche il sonno e in particolare la sua durata. In Svizzera, i ricercatori hanno osservato il sonno dei pazienti durante le varie fasi lunari. Nei pleniluni i pazienti avevano avuto difficoltà ad addormentarsi e avevano dormito meno e meno bene. Le motivazioni di questo fenomeno non risiedono nella maggiore luminosità notturna dovuta alla luna piena. Infatti i pazienti riposavano all'interno di stanze totalmente buie. Proprio per tentare di spiegare questo, gli scienziati hanno proposto l'esistenza accanto al ritmo circadiano, di uno circalunare, influenzato dalla luna.

Facebook Comments Box