Autore Laura Ruggeri :: 28 Dicembre 2015

La fibrillazione atriale è un'alterazione patologica del battito cardiaco. Da cosa è generata? Quali sono i suoi sintomi ed eventuali complicazioni?

La fibrillazione atriale: una panoramica

La fibrillazione atriale è una condizione che riguarda l'alterazione del battito cardiaco. Fa riferimento a un problema che si ripercuote a livello del sistema di conduzione del cuore, un tessuto che ha il compito di condurre l'impulso alla contrazione del muscolo cardiaco. Fisiologicamente l'origine dell'impulso si ha a livello dell'atrio destro, in una particolare regione nota come nodo seno-atriale o pacemaker, segna passi, il cui nome fa intuire il suo ruolo nel determinare il ritmo di contrazione del cuore. Da questa zona l'impulso corre attraverso il sistema di conduzione fino a giungere ai ventricoli. In questa maniera viene generata un'onda di contrazione del cuore utile ed efficace a spingere il sangue dagli atri ai ventricoli e da questi ultimi alle arterie.

La fibrillazione atriale fa parte delle cosiddette aritmie. In questa condizione patologica il battito cardiaco diviene accelerato, con una tachicardia di 100-175 battiti al minuto, contro i 60-100 della normale pulsazione. Gli atri non si contraggono in maniera concertata rispetto ai ventricoli, per cui non tutto il sangue riesce a essere spinto durante la sistole atriale (ossia durante la contrazione degli atri) verso i ventricoli. Una certa quantità di sangue permane nelle camere superiori del cuore e ristagnando può dar luogo alla formazione di coaguli e trombi. Il coagulo di sangue può viaggiare attraverso l'albero circolatorio, andando ad occludere piccoli vasi causando ictus o infarto.

I sintomi principali di questa condizione possono far riferimento alla sensazione di cuore martellante come dopo una corsa, dolore al petto, fiato che diviene improvvisamente corto e si può essere preda di vertigini e senso di stanchezza. Talvolta invece la fibrillazione atriale si manifesta in maniera asintomatica.

Ma quali sono le cause? Le ragioni della fibrillazione atriale possono essere imputate a difetti anatomici a livello delle valvole del cuore, all'ipertensione, all'uso di farmaci eccitanti, a ipertiroidismo, infezioni virali e precedenti interventi cardiaci.

La diagnosi di fibrillazione atriale è essenziale per tenere sotto controllo il problema ed evitare le sue possibili complicazioni.

Facebook Comments Box