Autore Laura Ruggeri :: 24 Novembre 2015

Si è riaccesa la questione su una particolare infezione come causa di morbo di Alzheimer. Uno studio riapre il dibattito

L'Alzheimer causato da un'infezione?

L'analisi post-mortem dei cervelli di soggetti affetti da morbo di Alzheimer ha riacceso il dibattito sulla possibilità o meno che un microrganismo, e dunque una infezione, possa causare questa patologia. Infatti, nei laboratori spagnoli, un gruppo di ricerca ha ritrovato nel tessuto nervoso analizzato un microrganismo, ossia la candida. Questo aveva invaso non solo le regioni cerebrali associate col morbo, ma anche i vasi sanguigni.

Questa indagine non è esaustiva. Non conferma che sia la candida a causare l'Alzheimer. Semplicemente stabilisce un collegamento tra l'infezione da parte di questo lievito e l'eventuale insorgenza della malattia. Offre, inoltre, uno sguardo al cervello dei pazienti ammalati subito dopo la loro morte.

Ma cosa c'entra la candida con la patogenesi dell'Alzheimer? L'ipotesi è che l'infezione cronica da candida del tessuto cerebrale provochi la formazione delle placche amiloidi. Queste sono la causa finora supposta della malattia di Alzheimer. Si tratta di ammassi extracellulari della proteina beta-amiloide, causa della distruzione delle sinapsi con la degenerazione delle funzioni cognitive e della memoria. Dunque la candida è capace di favorire la formazione di questi aggregati, per cui potrebbe essere l'infezione la causa scatenante di questa malattia neuro-degenerativa.

Da qui si potrebbe dunque arrivare alla soluzione terapeutica di usare un farmaco antimicotico per trattare la malattia. E in effetti, esistono in letteratura medica alcuni casi di pazienti che hanno sperimentato una inversione dei sintomi dopo il trattamento con farmaci contro la candida. Accanto ai farmaci esistono anche prodotti naturali per far fronte alla infezione da candida, come l'olio di cocco, l'olio di origano, il Tea Tree Oil e l'acido caprilico.

Si tratta solo di un'ipotesi e occorreranno ulteriori studi per fare chiarezza in merito.

Facebook Comments Box