Autore Laura Ruggeri :: 18 Novembre 2015

Troppo spesso ci si lascia andare all'odio, anche per semplici banali disaccordi. Ma allenare la propria tolleranza è possibile. Vediamo un esercizio per farlo.

Allenare la tolleranza, un esercizio

Lo sport che tutti praticano con costanza sembra essere quello dell'odio. Ognuno odia qualcun altro: se non si è d'accordo sulla stessa idea politica, se non si segue lo stesso credo, se si sta guidando e il tipo davanti procede lentamente, se vediamo uno straniero. Da qui la diffidenza, la mancanza di rispetto e la paura.

Un comunicato dell'Onu dichiara: “Le persone sono naturalmente diverse. Solo la tolleranza può assicurare la sopravvivenza delle comunità miste in tutte le regioni del pianeta.

A volte i sentimenti di odio semplicemente accadono, si innescano automaticamente, senza una riflessione vera o una solida consapevolezza. Proprio in questi casi, scattano i problemi legati alla violenza, alla violazione della serenità della civile convivenza. L'odio che alberga nel cuore fa male, nuoce alla persona che lo prova in prima istanza. Liberarsene è sano e alla base della ricchezza che viene dalla condivisione tra più culture dello stesso spazio.

È possibile riuscire a essere più tolleranti. Vediamo un semplice esercizio per provare a vincere l'odio.

1. Cominciate col fare una lista di tutte le persone che odiate o che non sopportate proprio.

2. Accanto a ogni nome che avete scritto, elencate le ragioni dei vostri sentimenti avversi. Perché la presenza di quella persona vi disturba? Cosa vi infastidisce? Vi ha forse ferito, in qualche modo?

3. Riflettete per qualche minuto su ciò che avete scritto. Le motivazioni del vostro odio sono così imperdonabili? Davvero, è così importante che per il resto della vostra vita portiate nel cuore l'odio per quella persona?

Oltre a questo esercizio, vi sarà utile anche:

Viaggiare
Conoscere il mondo apre la mente e la spalanca a nuovi orizzonti. Rimanere confinati nel proprio quartiere di origine permette di conoscere una sola realtà, quella che si è abituati a vedere ogni giorno. Invece, anche soltanto facendo un giro in un quartiere diverso della stessa città, potreste accorgervi di quanta meravigliosa diversità vi sia.

Comunicare
Comunicare, etimologicamente, vuol dire 'rendere comune qualcosa'. Provate a trovare un terreno che interessa a entrambi: lo sport o la passione per gli animali. Nonostante le vostre differenti idee, potete trovare una zona neutra dove entrambi vi sentite a vostro agio.

Mettervi nei suoi panni
Provate a immaginare di essere la persona che odiate. Chiudete gli occhi e pensate alla sua voce, al suo modo di muoversi e provate a impersonarla. Fategli delle domande per comprendere certi suoi comportamenti; dall'altra parte, provate a rispondere come farebbe lei. Le risposte che vi darà forse potranno aiutarvi a comprendere meglio i perché e a farvene una ragione.  

Tag: 

Facebook Comments Box