Autore Laura Ruggeri :: 15 Settembre 2015

Attribuire il marchio bio ai prodotti biologici può effettivamente essere una strategia di marketing votata al mero incremento dei guadagni e quindi a un aumento dei prezzi? Un’indagine ci svela cosa ne pensano gli Americani

Scegliere consapevolmente

Gli alimenti biologici sono più cari di quelli convenzionali. Un’indagine sui prodotti bio condotta dalla Mintel, azienda che si occupa di ricerche di mercato su scala globale, rivela che il 51% degli Americani ritiene che munirsi dell’etichetta ‘biologico’ sia solo una scusa delle aziende per elevare i prezzi. Il 38%, invece, ritiene che l’aggettivo biologico sia un termine che non significa nulla.

Del resto, davanti allo scaffale del supermercato, si è davanti all’amletico dubbio se risparmiare acquistando un prodotto convenzionale o svenarsi prendendone uno biologico. Ovviamente, per essere serenamente predisposti a una spesa maggiorata, le motivazioni per comprare biologico devono essere fondate. In America, così come anche in Europa, queste convinzioni non sono poi così salde.

Billy Senior, analista della Mintel, infatti, ha affermato in una recente intervista che le vendite di prodotti biologici hanno raggiunto una fase di stallo, non c’è più crescita. Si pensa che ciò sia dovuto proprio a una mancanza di informazione sul ‘biologico’ da parte dei consumatori. Proprio per questo motivo, i prezzi di questo genere di alimenti dovrebbero diminuire.

La domanda che tutti si pongono è la seguente: "Cosa contraddistingue un alimento biologico?"

È, dunque, necessaria una maggiore divulgazione di informazioni su cosa vuol dire coltivazione biologica e alimentazione naturale. Questo è dimostrato dal fatto che le fasce di popolazione con un maggiore livello culturale, presumibilmente quelle più giovani, consumano con più costanza alimenti biologici, rispetto alle persone più avanti con gli anni e meno informate.

La parola d’ordine è informarsi per consumare responsabilmente, con un equilibrato rispetto delle nostre tasche e della nostra salute.

Facebook Comments Box