Autore Laura Ruggeri :: 6 Novembre 2015

Dal 2016 la birra Guinness, storico marchio irlandese, si fa vegana

La birra Guinness si fa vegana

La celebre casa produttrice di birre irlandese, la Guinness, ha annunciato per il 2016 la decisione di un cambiamento verso un processo produttivo al 100% vegano. Per produrre le birre, non verranno più impiegati prodotti di origine animale.

La sostanza incriminata è la colla di pesce, ricavata dalla vescica natatoria di numerose specie ittiche. Questa è impiegata nel processo di filtraggio, al fine di rendere più chiara la birra. Si tratta di un momento storico importante per il celebre birrificio, che dopo 256 anni di esistenza non utilizzerà più colla di pesce per produrre birra. Al termine della produzione, il sistema prevede la sua totale rimozione, ma c'è chi dichiara ne rimangano tracce. Questa sostanza è impiegata solo nei birrifici irlandesi e inglesi. Nel resto del mondo, invece, di fatto non si usa.

Numerose sono state nel corso degli anni le campagne di associazioni vegetariane e vegane per chiedere il ricorso a metodi di produzione, che non prevedessero l'impiego di sostanze derivate da animali.

Finalmente l'annuncio del famoso brand, entro la fine del 2016 verrà adottato un procedimento vegan-friendly, la Guinness ha infatti dichiarato la sostituzione dei suoi vecchi macchinari di filtraggio con altri che non impieghino colla di pesce. Questa, infatti, può essere facilmente sostituita con agar-agar o pectina.

Tag: 

Facebook Comments Box