Autore Laura Ruggeri :: 31 Dicembre 2015

È sempre più diffuso il rispetto verso gli animali. E anche negli allevamenti di bovini si sta diffondendo una maggiore attenzione al benessere degli animali che sono nutriti al pascolo con erba

Allevamenti di bovini nutriti con erba

Gli animali negli allevamenti tradizionali sono trattati in maniera orrenda. Numerose le associazioni a tutela degli animali lamentano uno scarsissimo rispetto per la loro vita: alimentazione scadente, scarsa o nessuna libertà di movimento e condizioni igieniche precarie.

In direzione contraria però stanno muovendosi numerosi allevamenti in cui il rispetto dello stile di vita dell'animale è maggiormente preso in considerazione. In alcune fattorie i bovini sono lasciati liberi al pascolo e possono nutrirsi di erbe, anziché di mangimi già pronti.

L'erba è l'alimento naturale dei bovini. Questi hanno la capacità di digerire la cellulosa in essa contenuta, possibilità che invece gli uomini non hanno, poiché mancano dell'enzima necessario per la sua idrolisi. I ruminanti possiedono un apparato digerente poligastrico, ossia composto da quattro camere gastriche, che consentono la digestione dell'erba.

Nonostante la maggiore cura destinata agli animali nelle fattorie che li nutrono con erba non esistono sovvenzioni a loro sostegno. La crescita degli animali con l'erba è più lenta, per cui il tempo della macellazione arriva dopo quattro, cinque anni di vita. Dall'altra parte con i mangimi convenzionali, che sono costituiti da grano, la crescita è molto più veloce, tanto che già dopo 14 mesi è possibile l'abbattimento dell'animale che ha già raggiunto la dimensione necessaria. Questo obiettivo rapido comporta, oltre a una vita davvero misera per l'animale, un ricorso a farmaci quali antibiotici e integratori per permetterne l'accrescimento.

L'alimentazione col grano presente nei mangimi non è salutare per l'animale. Infatti il processo di digestione nei ruminanti prevede la formazione di grandi quantità di gas che sono espulse durante la ruminazione. Ma una dieta che contiene troppi amidi e poca crusca, quale quella a base di grano, riduce di molto la ruminazione. In questa maniera il gas prodotto non viene più espulso, ma rimane nell'apparato digerente dell'animale; in particolare il rumine, il prestomaco dei bovini, può gonfiarsi fino a schiacciare i polmoni presenti nella gabbia toracica. Ciò può portare a soffocamento dell'animale.  

Facebook Comments Box