Autore Redazione :: 11 Novembre 2015

Qual è la dose giornaliera di fibre per una corretta digestione? Quali funzioni esplicano nel nostro organismo?

Fibre alimentari

Cosa sono le fibre alimentari? Iniziamo a dire che le fibre sono presenti prevalentemente negli alimenti a base vegetale. Ecco un’altra ragione per cui frutta e verdura devono essere regolarmente presenti nella dieta.

La quantità di fibre alimentari richiesta dal nostro organismo è di 20-30 gr al giorno: così raccomanda la FDA, la Food and Drug Administration. Poche persone però hanno uno stile alimentare che rientra in questi parametri: è stato stimato che in realtà non se ne assumono abbastanza, non arrivando nemmeno a sfiorare la metà della dose raccomandata.

Quali sono le caratteristiche principali delle fibre alimentari? Le fibre presenti negli alimenti possono essere distinte in due categorie:

  • le fibre idrosolubili
  • le fibre insolubili in acqua.

Le fibre idrosolubili, come dice la parola stessa, sono solubili in acqua e quindi sono capaci di legarsi con essa, formando una sorta di gel, che rallenta la digestione e favorisce il senso di sazietà, aiutando a controllare il peso. Si trovano nei mirtilli, nei cetrioli, fagioli e noci. Tra queste, ricordiamo le pectine e i galattomannani.

Le fibre insolubili sono presenti nelle verdure a foglia verde, nel sedano, nelle carote e nella crusca. Queste non riescono a legare l'acqua. La loro funzione benefica si esplica aiutando a formare la massa fecale e favorendo la motilità intestinale. Appartengono a questa categoria la cellulosa e la emicellulosa.

Le fibre presenti negli alimenti non sono assorbite dal nostro organismo, poiché mancano gli enzimi necessari per la loro digestione. Se queste sostanze non contengono principi nutritivi assorbiti, ma vengono espulsi così come sono dal nostro corpo, perché sono così benefiche per la salute?

La ragione è che in realtà attuano una serie di funzioni importanti per il metabolismo e in generale lo stato di salute dell’organismo. In particolare, controllano l'assorbimento di glucidi e grassi. Soprattutto le fibre solubili rallentano l'assorbimento di zuccheri e lipidi, aiutando a controllare la glicemia. Ma non basta: riducono del 40% il rischio di infarto; favoriscono la perdita di peso;  riducono del 40% il rischio di diverticolite, una patologia del colon con l'infiammazione di diverticoli, piccole tasche che possono formarsi nella parte terminale dell'intestino.

Tag: 

Facebook Comments Box