Autore Laura Ruggeri :: 4 Dicembre 2015

Circolano alcune false conoscenze sul cibo e sui suoi effetti sul nostro organismo. Proviamo a sfatarne alcuni

Sfatiamo alcuni falsi miti sul cibo

Su alcuni cibi circolano voci poco veritiere, falsi miti che proviamo a sfatare.

La gomma da masticare
Avete mai provato a ingoiare una gomma? Forse potrebbe esservi capitato per sbaglio. Ovviamente è qualcosa di sconsigliabile. Nell'immaginario collettivo, si è portati a pensare che una volta ingerito, i chewing gum non escano più dal nostro corpo. Si tratta di un falso mito. Fortunatamente esistono le contrazioni peristaltiche che spingeranno la gomma verso il retto. In caso di ingestione accidentale, in pochi giorni rivedrete il chewing gum nel wc.

I cibi piccanti causano le ulcere
Si tratta di un altro falso mito. Mangiare piccante non provoca affatto ulcere nello stomaco. Queste lesioni sono dovute all'azione di un batterio che si chiama Helicobacter pylori, che infetta la mucosa gastrica. I cibi piccanti possono peggiorare i sintomi dolorosi dovuti alle ulcere, ma non causarle.

L'alcol causa cirrosi
Bere in maniera smodata causa di certo danni al fegato, ma non porta sempre a cirrosi. Pur essendone la causa più comune, alcolismo non è sinonimo di cirrosi. Vi sono anche altre condizioni morbose che lo determinano come l'epatite B e l'epatite C.

Se soffrite di diverticolite non mangiate cibi ricchi di fibre
Noci, mais, fragole e i semi erano sconsigliati alle persone che soffrivano di diverticolite da parte dei medici. Il timore era che frammenti di questi alimenti andassero a conficcarsi all'interno dei diverticoli, causandone infiammazione. In realtà, gli alimenti ricchi di fibre proteggono il colon dalla formazione di ulteriori diverticoli, poiché agevolano il transito delle feci e l'evacuazione.

I fagioli provocano formazione di moltissimo gas intestinale
Gli alimenti che più di tutti causano la formazione di gas sono i latticini, specie con l'avanzare dell'età. Infatti, mano a mano il nostro organismo diviene meno capace di digerire e assimilare il lattosio, lo zucchero presente nel latte.

Gli intolleranti al lattosio devono evitare tutti i latticini
L'intolleranza al lattosio è caratterizzata da un ampio range di manifestazione del disturbo: vi sono persone che bevendo una tazza di latte cominciano ad avere sintomi e persone che invece possono berne anche due, per altre è meglio evitare il latte, ma possono mangiare lo yogurt, altri ancora soltanto i formaggi stagionati. Si tratta di informazioni sui propri limiti che possono essere assunte solo con l'esperienza, attraverso diversi tentativi per scoprire qual è la dosa e la tipologia di latticini che è possibile tollerare.

Facebook Comments Box