3 proprietà benefiche della curcuma bio

Proprietà curative e preventive appartengono alla curcuma, spezia utilizzata da migliaia di anni. Ma quali sono nello specifico? Innanzitutto, i benefici della curcuma non sono solo retaggio di cultura popolare o di tradizione. Oggi circa 5.000 studi scientifici diversi hanno stabilito che questa pianta sia molto importante per la salute dell’uomo.

Vediamo più da vicino quali sono le sue proprietà.

1. Potere antiossidante
Questa spezia riesce a neutralizzare i radicali liberi, specie chimiche altamente reattive che possono causare danni cellulari.

2. Potere antinfiammatorio
La curcuma contiene sostanze antinfiammatorie. Queste, infatti, sono in grado di inibire un enzima responsabile del dolore, ossia COX-2, fungendo da analgesico. Se avete dolori articolari o anche un’influenza, questa spezia può migliorare enormemente la vostra sintomatologia.

3. Potere antitumorale
La sua azione in tal senso si esplica contro determinati tipi di patologie oncologiche, come il cancro alla prostata, al colon, alla mammella e alla bocca.

La curcuma può essere consumata come radice in frullati e in minestre. Anche in polvere si presta bene agli usi in cucina, per condire pietanze a base di verdura o riso.

Attenzione però a non esagerare: come in tutte le cose, occorre moderazione. Mangiare troppa curcuma infatti può incidere negativamente nelle patologie di calcolosi biliare. Quanta se ne può consumare allora ogni giorno se non si vuole rischiare di avere danni anziché benefici? La dose ideale quotidiana corrisponde a due cucchiaini da caffè. Il suo effetto e le sue proprietà benefiche si potenziano e si esaltano se la curcuma si assume insieme a tè verde, pepe nero o olio d’oliva.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *